Attualità Italia

La disfatta della democrazia parlamentare

Le ultime gesta di palazzo non hanno fatto altro che smascherare la debolezza insita nella nostra democrazia parlamentare, mai sovrana e sempre pronta a risolvere i problemi cruciali, togliendo al popolo quella sovranità su cui dovrebbe fondarsi. Nessuna sorpresa dinanzi l’atteggiamento lamentoso e opportunista di Luigi di Maio, il burattino di un movimento sorto a […]

Leggi tutto…

Attualità

Nel detrimento culturale di questa società si consuma il destino infelice dei nostri bambini

di Marina Simeone L’Occidente è malato e sta morendo la sua cultura millenaria, sta franando la sua architettura sociale, politica, storica, artistica, sotto i colpi dell’andamento demografico, dell’abbandono del controllo del proprio mare, della cessione identitaria. Una agonia lenta ma inesorabile che coinvolge senza riguardo un popolo stanco e indifferente, incapace di reagire persino quando […]

Leggi tutto…

Attualità

Orwell, un dilettante. Il politicamente corretto spegne il dibattito universitario e la crescita intellettuale.

di Giorgia Durigon Fresca tra le notizie del Telegraph britannico, ci fa riflettere la recente politica attuata dall’università di Cambridge, notoriamente tra le università più prestigiose d’Europa. Il noto ateneo dall’anno scorso ha avviato un progetto, compreso, insieme ad altri undici, tra i progetti definiti sotto il macrotema “uguglianza, diversità e inclusione” finanziati dal governo […]

Leggi tutto…

Attualità

Il fuoco della barbarie brucia Notre Dame

Come si è soliti fare in Italia, ormai da decenni, ogni accadimento di una certa rilevanza vede contrapporsi, non meno banalmente di una semplice partita di calcio, schieramenti opposti e divisi tra difensori del giusto o dell’errato, esponenti dell’opinione ad ogni costo piuttosto che della riflessione. Notre Dame brucia! E al via i piagnistei di […]

Leggi tutto…

Evoluzione e paraocchi Attualità

Evoluzione e paraocchi

Sono in corso precise e profonde trasformazioni strutturali dell’ordinamento sociale, su scala mondiale, che la comunicazione politica per le masse non menziona o menziona solo velatamente, senza mai parlare di come esse hanno ridotto il ruolo della politica. Ne menziono qui alcune particolarmente chiare e rilevanti, per poi descrivere i principali fattori che ostacolano il […]

Leggi tutto…

Senza categoria

La cattura di Assange ovvero l’evidenza dell’ipocrisia democratica

Ci sono idee che si diffondono velocemente per poi diventare dogmi incontestabili, per cui oggi miliardi di persone credono all’esistenza della democrazia, pensando al contempo che la storia dell’uomo sia trascorsa nelle mani di dittature spietate, monarchie tiranniche, oligarchie violente, per poi finalmente approdare alla libertà – che si fa coincidere o si accompagna spesso, […]

Leggi tutto…

Papa Francesco mostra di non conoscere la storia di Roma e di essere al soldo del mondialismo Attualità

Papa Francesco mostra di non conoscere la storia di Roma e di essere al soldo del mondialismo

“Roma costruì un impero facendo emergere nuove identità ed oggi per essere all’altezza del suo glorioso passato deve affrontare la sfida epocale dell’accoglienza e della integrazione dei migranti”. Stralci di un discorso pubblico non di Laura Boldrini o Matteo Renzi, bensì di Papa Francesco, in visita al Campidoglio, nel cuore della civicità dello Stato. Un […]

Leggi tutto…

8 Marzo. A vincere è sempre e solo la cultura della resa!.jpg Attualità

8 Marzo. A vincere è sempre e solo la cultura della resa!

La retorica che accompagna annualmente la ricorrenza della festa della donna finisce con l’ingigantirsi nel tempo invece di spegnersi. Il politicamente corretto sostenuto dalla dittatura dei “diritti inviolabili dell’uomo” ora ha inserito un nuovo aggettivo accanto al termine della festività, quello di genere, meno differenzialista e più appropriato ad indicare la condizione di somiglianza fra […]

Leggi tutto…

Le nozze di Golpe e Recessione Attualità

Le nozze di Golpe e Recessione

Serie tanto ripetute e brutte di perdite sui titoli sia azionari che obbligazionari si erano avute solo nel 1929. Ma oggi, rispetto al 1929, ci sono aggravanti: un rallentamento in atto dell’economia globale banche in crisi per migliaia di miliardi di perdite su derivati e crediti prossima riduzione o fine del quantitative easing sia in […]

Leggi tutto…