Home

Revolvere: la Rivista

home rivista

Articoli recenti

MA AGLI ITALIANI NESSUNO LO DICE?

Arturo Del Peschio si pone delle domande che vuole condividere con i lettori di Revolvere oltre che con gli organi preposti a rispondere. Che Revolvere …

Le donne e il mare

Il mare come specchio del dominio maschile o riflesso della profondità dell’animo femminile? Florindo di Monaco ne parla nel suo ultimo libro “Le donne e …

Per esistere e per trasmettere

Dominique Venner intellettuale controcorrente, orgoglioso di una Europa lontana ci ha lasciato nel suo libro testamento “Un samurai d’Occidente. Il breviario dei ribelli” (edizione italiana a …

Un po’ di ospitalità!

di Adolfo Durazzini Quando ci si muove su un piano relativo, occorre saper riconoscere gli enti “altri” come relativi e non ontologicamente, vale a dire assolutamente, …

A sinistra di Evola

di Alessandro Viviani Nel Tramonto dell’Occidente, un intramontabile e realisticamente pessimista Oswald Spengler ci ricorda che: «ogni cosa abbia un fine avrà inevitabilmente anche una fine». …
Banner Giustizia Giusta

Editoriali

Donna: storia di femminilità e potere

Donna: storia di femminilità e potere

La rivista «Revolvere» sceglie di partire con un primo numero monografico sul tema della donna, nel suo rapporto con la femminilità e con la strumentalità …
Il deserto che avanza

Il deserto che avanza

Il deserto che avanza! È l’immagine che ci ha spinto a metterci in gioco e sperimentare una strada, quella della rivista di approfondimento culturale. Un deserto …

Video in evidenza

Dibattiti

Interviste

Presentazioni

Libri: ultime pubblicazioni

La comunità

Marina Simeone

Redattrice

Arturo Del Peschio

Autore

Marina Simeone

Redattrice

Marina Simeone

Redattrice

Interviste

Una Summa con Alain de Benoist.

Il dibattito culturale attuale sempre più frequentemente parla dell’Europa come di un fardello che portiamo indosso, ma che cosa è stata o che cosa è …

Paideia

 IL DIALETTICO È COLUI CHE “PASSA ATTRAVERSO TUTTE LE CONFUTAZIONI”, CIOÈ CHE SOTTOPONE LE SUE IPOTESI ALL’ESAME DEGLI ALTRI, I QUALI CERCANO IN TUTTI I MODI DI CONFUTARLO. SOLO LA TESI CHE RIESCE A SUPERARE “TUTTE” LE CONFUTAZIONI PUÒ CONSIDERARSI FONDATA SU UN “RAGIONAMENTO ADEGUATO”.