cultura

RAID AL CENTRO STUDI GOLIA. COLPITA LA CULTURA

23 Luglio 2020

Nella notte tra il 20 e il 21 luglio un raid sicuramente meditato ha voluto colpire al cuore un centro di cultura non conforme, nato con la volontà di ricordare e onorare Pietro Golia, un editore a cui va riconosciuto il merito di aver fatto parlare un sud di eccellenza e non di piagnisteo.

I danni al locale e alla struttura sembrano a prima vista un atto intimidatorio, che ha come obiettivo primario non il ladrocinio, quanto l’attacco alla cultura, all’attività fervente rinata con grande impeto dopo il Covid 19. Una cultura con delle prospettive e una storia che non a tutti piace probabilmente ma che merita di esistere e di resistere, pur tra tante difficoltà.

Per questo ci sentiamo oggi di mostrare solidarietà non solo verbale, ma fattiva, inaugurando una raccolta fondi che potrà servire al Centro studi per ripartire con maggior vigore e sostenere il premio letterario Pietro Golia già da lungo tempo meditato.

Chiunque volesse partecipare più farlo in forma anonima o firmando la nostra cartolina. Scrivete il vostro nome a redazione@revolvere.it e sarà inserito nella cartolina che prepareremo per il Centro studi e che tutti i partecipanti avranno modo di visionare. Il versamento va fatto al seguente IBAN IT1C3608105138268886568893 con causale “donazione Centro studi”. Intestazione carta Italo Linzalone.

Redazione Revolvere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *